Metronapoli.it

FacebookYoutubeRSSTwitter

E-Magazine & Web TV della Citta' Metropolitana di Napoli - Registrazione al Tribunale di Napoli 5113/2000

Nasce M.I.A., 10 donne vittime di violenza fanno impresa in un bene confiscato

Dieci donne, vittime di violenza e in condizioni di disagio sociale, si sono unite in un’associazione, M.I.A., acronimo di Memoria, Inclusione e Autonomia. Da oggi la loro unione le porterà a sperimentare un percorso imprenditoriale di sviluppo e di riscatto. Si occuperanno di commercializzare i prodotti del bene confiscato più grande dell’area metropolitana, la Masseria Antonio Esposito Ferraioli, un podere di 12 ettari nel territorio di Afragola intitolato al giovane cuoco ammazzato dalla criminalità organizzata il 30 agosto del 1978 per aver denunciato una truffa ai danni della Comunità Europea attraverso partite di carne avariata. Il progetto è stato presentato alla presenza del Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, del Sindaco della Città Metropolitana, Luigi de Magistris, del Presidente della Commissione Anticamorra della Regione Campania, Carmine Mocerino, del Sindaco di Afragola, Claudio Grillo, del Segretario Generale di Costa Crociere Foundation, Davide Triacca, del Segretario Generale CGIL Napoli, Walter Schiavella, e di rappresentanti dell’Associazione e delle Cooperative che gestiscono il bene confiscato.

-